Skip navigation

di cosa saprebbe la vita se fossimo sempre pronti a tutte le evenienze, anche alla morte? di niente. nel bene e nel male le sorprese ci rendono vivi, o ci uccidono. in tutti i casi ci meravigliano.

Budelli,_la_spiaggia_del_Cavaliere._-_panoramio

quarantuno gradi tredici primi tredici secondi nord, nove gradi ventitrè primi ventun secondi est, non riesci a pensare ad altro. la maddalena, caprera, santo stefano, spargi, spargiotto, budelli, razzoli, santa maria. un fazzoletto di isole di granito rosso affogate nel blu dello stretto di bonifacio, nel quale vorresti sparire. ora.
(spiaggia del cavaliere, budelli. foto carlo pelagalli)

mare, piano a compromesso, la merda si alza, parte il piano bi, se non funziona si organizza il piano ci. sempre più difficile rubare due giorni al mondo, ma non ti perdi d’animo. giro di telefonate agli amici, gente bella, comprensiva, empatica. l’ultima che senti è la principessa, stanca e compressa dal lavoro, tumefatta dagli eventi. vi lasciate con una risata, stasera in qualche modo partirete. resilienza state of the art.

da due settimane ti pregusti il prossimo fine settimana. due giorni al mare con due amici. il mare non è gran che, versilia, gli amici invece son tanta roba, ma tanta. oppure pranzare insieme, oggi. ecco, cose così, bastanti. il resto tenetevelo pure.

quando fare il tifo per un amico vuol dire sperare che si innamori.

la vita può essere meravigliosamente lunga o maledettamente corta, dipende da dove la guardi (moccolo).

Battersi è molto più bello che vincere, viaggiare è molto più divertente che arrivare: quando sei arrivato o hai vinto, avverti un gran vuoto. E per superare quel vuoto devi metterti in viaggio di nuovo, crearti nuovi scopi.

Oriana Fallaci

(questo te lo scrivi per te).

ieri sera è andata abbastanza bene, oggi un po’ meno. la legge del contrappasso, quando riscuoti poi paghi.

sei stato a vedere l’allestimento della presentazione del libro di stasera. sei in mezzo allea mostra di ceramiche di tuo padre. ti batteva il cuore. devi vincere la paura, l’emozione, il dolore. devi far finta d’essere in famiglia. famiglia, bella parola.

stai impazzendo con l’home banking che non ti vuole e l’inps che ti ignora, vuoi sapere se, quando e come andrai in pensione (tardi), se, come e quando finirai i soldi (presto). i quattrini fanno comodo, anche se li snobbi, li trascuri, a volte li ignori. come la salute. nel frattempo scrivacchi. nel frattempo lavoricchi. nel frattempo non ti curi. ti mancano quasi tutti i denti, un dito, la pazienza, un sacco di anni alla pensione e la voglia di far la guerra. scarpe rotte eppur bisogna andar. non sai perché ti viene in mente questa frase vecchia più di te. intanto domani sera c’é la presentazione del libro. e qui ci sta bene un moccolo.