Skip navigation

Monthly Archives: ottobre 2012

ma se una donna é così intelligente come mai di solito sposa un coglione? e poi, sapendolo coglione, come mai non lo pianta in asso ma se lo tiene commiserandolo pubblicamente ad ogni occasione? tu le donne intelligenti non le capisci.

eri in corsica, con la principessa, una vita fa. costa ovest, vi godevate il mare. da ponente arriva burrasca, il cielo diventa buio, il mare grigio, gonfio, il vento porta l’acqua, a raffiche orizzontali, a scrosci. vi rifugiate in una piccola caverna sulla spiaggia, un anfratto, mentre i fulmini colpiscono l’acqua e gli scogli davanti a voi. abbagliati, assordati, impauriti, affascinati dai colori cupi e vividi, aspettate che passi per risalire e andare a prendere la macchina di sopra, sulla strada. smette di piovere, esci e corri verso l’asfalto. hai raggiunto la strada quando accanto a te scoppia un bagliore. l’ultimo fulmine, a pochi metri sulle rocce, che si divide in mille rami, uno ti prende le gambe, ti falcia. un tackle scivolato calcistico che ti piglia piedi e caviglie con rabbia potente, come a volerti buttare a terra. tu resisti, la principessa é dietro di te di cento metri, ti giri. la vedi, sta bene, ma corre terrorizzata, ha visto tutto. tu barcolli ma stai in piedi, capisci che un fulmine é caduto molto vicino a te, non senti niente, non capisci niente ma sei vivo. così la morte, spaventa da lontano, stordisce da vicino, sfiora e lascia attoniti, monchi.

dariszcahyadi su instagram

la fotografia é bella perché non usa le parole.

ti spacci per idealista, sei solo ideologico.

fine settimana di vento e pioggia, sette nipoti a mangiare, cinque a dormire, camino acceso e principessa contenta. e te? altrove, come sempre.

ogni tanto prendi il telefonino come per fare il suo numero. tante volte rispondesse.

grazie.

per il terremoto dell’aquila condannano prima i sismologi che non hanno previsto dei tecnici e degli edili che non hanno murato col cemento. stanotte altro terremoto. non gli rimane che arrestare il pollino.

oggi é così, corale, casuale e stonata.