Skip navigation

freddo, acqua, neve ai monti. chiudi gli occhi, voglia di mare. e ci pensi. a quell’isola greca, non ricordi il nome. le stradine polverose fatte a piedi, le spiaggette isolate, assolate, col mare azzurro punteggiato di scogli, il polpo mangiato in quei barrini fatti di legno portato dal mare, col meltemi che carezzava le olivete arrampicate sulle rocce, la birra ghiacciata che ti dava subito alla testa e tutto quel chiarore caldo intorno. quell’agosto fu uno degli ultimi col tuo amico, e fu un gran compleanno il suo, col girarrosto che si ruppe e tu continuasti a girarlo a mano per non bruciare l’agnello, cuocendo al posto suo, e giovanni, il padrone di casa, che piangeva di dispiacere ma poi finì che era buono, e anche la moussaka di angela, sua moglie, che era una greca che rideva sempre e lavorava sempre e poi tutti ballarono il sirtaki ma tu no, ché eri goffo e pudico e anche troppo ubriaco di ouzo. e ci ripensi ora, al manno, a giovanni, a angela e a tutto quel sole che vi cuoceva su quell’isoletta e quella felicità che è ancora dentro, a tenerti caldo in questo giorno di freddo, acqua e neve ai monti. che posto, che serata, che musica era quella. skiathos, ecco come si chiamava, maledetta memoria.

Annunci

2 Comments

  1. qui in città – io, che sono scesa dai monti, qualche mese fa – niente neve, ma solo pioggia che non prende una direzione.
    io non Skiatos, ma una penisola in Macedonia, qualche anno fa – ché uno si immagina la Grecia tutto vento e cielo azzurro, e invece ai piedi dell’Olimpo solo caldo e umido, caldo afoso e umido, anche nelle catacombe di Alessandro.
    e Salonicco, né carne né pesce, affogata in un tempo sospeso che nemeno saprei descrivere.
    (ma gli occhi, almeno i miei, si chiudono lo stesso, e ripensano a quella casetta nella pineta, alle grigliate, alle docce dopo pranzo al posto del caffè, alle telefonate da terra straniera, alle zanzare, e alle stelle perdute sulla spiaggia).

    volevo in realtà passare e lasciare un saluto, ma alla fine la Grecia è una calamita, almeno per me.

    Mi piace


scrivi se ti va

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: