Skip navigation

santa maria nuova

tra un po’ son cinquantanove. vabbè, facciamo sessanta, tenga pure il resto buon uomo. una vita a pesticciare nel solito posto, scarpe piene di terra e cervello in collina, mica come quei cittadini del mondo che per loro casa è dove mettono lo spazzolino da denti. forse hai troppo pochi denti per dare tanta importanza ad uno spazzolino. e poi tuo padre, che ha girato il mondo, è nato, ha vissuto ed è morto nello spazio di poche centinaia di metri. e ora in quello spazio di poche case lungo un fiume ci abitate tu, la principessa, tuo fratello, i tuoi amici, la gente che ti sta intorno al cuore. altri son lontani, ma il grosso è qui. contadino, campagnolo, provinciale d’adozione, ma cittadino di nascita. già, sei nato a firenze, proprio in centro, a santa maria nuova. l’ospedale più antico della città, ancora funzionante. lo fondò nel mille duecento ottantacinque folco portinari, il babbo di beatrice, quello che dante voleva diventasse suo suocero. e forse è questo che t’ha fregato. un imprinting fatto di equilibrio, bellezza e nostalgia, un rimpianto rinascimentale genetico che t’ha marchiato, legato, impigrito. ma t’ha anche cullato, insegnato e cresciuto così come sei. insomma, in poche parole, sei nato in un posto vecchio, dovevi per forza nascere vecchio.

Annunci

2 Comments

  1. Alle volte mi fai ridere Lapo, di cuore però. Sono certo di potere permettermelo.

    Mi piace


scrivi se ti va

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: