Skip navigation

la mia vita è finita quando è nato lui. tuo fratello era piccino ma aveva capito che era finita la pacchia del figlio unico, e per un po’ te l’ha fatta pagare. ma te eri tranquillo, ridevi con quel faccione tondo, tuo nonno ti chiamava lunapiena e mi garbava il soprannome, ti rappresentava. sei cresciuto, bene, forte, alto, sano. ti sei visto sparire quel nonno e forse a quel punto anche tuo fratello ha capito cosa vuol dir famiglia, c’é stata pace tra voi. poi hai scoperto il canottaggio, e t’é garbato. così tanto che hai cominciato a vincere. così tanto che ti alzi alle sei per montare in barca prima di scuola, e ci torni il pomeriggio. migliaia di chilometri l’anno, le mani sui remi, i calli che sanguinano, il fisico che cresce, indurisce, diventa legno. con la barca hai tagliato traguardi, spesso primo, fino a diventare un campione, italiano, europeo, mondiale. e continui, nonostante gli esami di stato, le ragazze, quel tuo modo di crescere facile e difficile insieme che è solo tuo, e mi piace. oggi fai gli anni, e non sai quanto io sia orgoglioso di te. so che ti sei alzato presto, hai fatto il tuo allenamento nel fiume, poi a scuola, poi a casa affamato, poi tornerai a remare, è la tua vita. e ti penso, e ti ricordo lunapiena, piccino e sorridente. auguri nipote mio, e scusa se ti ho rubato il nome per uno stupido blog.

Annunci

6 Comments

  1. E faglielo leggere…

    Mi piace

  2. Lo ha letto, lui?

    Mi piace


scrivi se ti va

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: