Salta la navigazione

dantedieci, piove. mattinata precoce, da un cliente. ti sei svegliato col mal di testa che diceva buongiorno, lo stesso che ti aveva dato la buonanotte ieri. adesso a casa, a cercare cose tue, del cliente, del secondo e terzo giradischi e del registratore a bobine che vorresti far funzionare. sai già che rimarranno lì, non morti ma moribondi, mancanti di pezzi, come te. serata di carte ieri, a casa tua. no, a casa di lei. lei che ride, parla, si muove nello spazio, lo fa suo. e te che stai zitto, ti ritiri negli angoli, dove la gente non vede, come un mobile che arreda uno spazio non suo. in realtà lo senti tuo, ma ti piace far tappezzeria quando lei è con altri. sei andato a letto che giocavano ancora, poi hai sentito i saluti, lei è salita. quasi tranquilla, quasi. si è addormentata subito, stanchissima, come sempre. e te al buio, a pensare agli spazi, ai saluti, ai movimenti, alle azioni tra persone. ci ripensi ora, senza trarne conclusioni. l’aulin guarisce le teste, senza migliorarle.

Annunci

2 Comments

  1. Mi piace sempre tanto, come parli di lei.

    Piace a 1 persona


scrivi se ti va

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: