Salta la navigazione

Monthly Archives: gennaio 2020

Istvan Reiner

questa bellissimo bambino che ride è istvan ieiner in una foto scattata da un SS poco prima di essere ucciso nel 1944, a soli quattro anni, ad auschwitz. somiglia maledettamente ad un tuo nipote quando era piccolo. voglia di piangere, di bestemmiare.

è difficile, a volte sembra impossibile, i sogni dei bambini si perdono dentro un tempo ormai lungo, quasi vecchio, per sorridere ci voglio denti nuovi, eppure si respira ancora, e a volte si parla, e si ascolta la musica, e si spera, si pensa, si vuole. e va bene così.

l’amore è un fatto prevalentemente femminile, i maschi il più delle volte si accostano al concetto in maniera inadeguata, quasi sempre per bisogno più che per propria iniziativa.

hai la stessa età di tua madre quando morì. così, tanto per ricordarsene.

Lui è chi ha cantato Cristo in croce e ha dato i dieci comandamenti al commento di Tito, uno dei ladroni appesi.
Lui ha messo in musica un prigioniero che non voleva respirare la stessa aria dei secondini.
Lui cantava con voce di pozzo l’amore dei giorni perduti a rincorrere il vento.
Lui è chi ha tradotto Leonard Cohen, Georges Brassens, Bob Dylan in quell’impossibile, perfetta versione di “Avventura a Durango”, capolavoro di trasferimento da una lingua a un’altra.
Lui è chi ha scritto che a morire di maggio ci vuole troppo coraggio, ha dato musica alla cattiva strada, ha squagliato la cioccolata dei dialetti, il genovese, il sardo, il napoletano dentro le ballate.
Lui è chi è stato legato a un palo dell’Hotel Supramonte dove ha visto la neve sopra un corpo di donna amato, addolcito di fame e ha ascoltato i racconti dei banditi e ha conosciuto una loro cura che nessun detenuto di questo Paese ha provato.
Lui è chi ha perdonato con gratitudine.
Lui è chi ha visto al collo di Teresa una lametta vecchia di cent’anni, lui sa che il dolore di Franziska taglia più di un coltello di Spagna. E sa il bosco dove Sally arrivò con il tamburello e sa il bisturi che corregge il sesso di Princesa, e la ragazza che si versa un cucchiaio di mimosa nell’imbuto di un polsino slacciato.
Lui è chi ha dato cantico ai drogati perché chiedessero: “e chi, chi sarà mai / il buttafuori del sole / chi lo spinge ogni giorno / sulla scena alla prime ore”.
Lui è chi ha suonato i pensieri dei suicidi, il nasone di Carlo Martello, le fregole di un vecchio professore e la più concreta offerta di un paradiso, in vendita a via del Campo.
Lui è chi ha messo un giudice nelle mani esageratamente affettuose di un gorilla e ha lasciato che un pescatore sfamasse un assassino, e tacesse ai carabinieri.
Lui è chi cantò le lapidi di Spoon River dove Jones il suonatore mai rivolse pensiero al denaro, all’amore, al cielo.
Lui è chi ha voluto bene ai cuccioli del maggio che poi avrebbero azzannato i garretti dei potenti e avrebbero stabilito il record di carcere di una generazione italiana. Invano avvertiva gli altri: “per quanto voi vi crediate assolti / siete lo stesso coinvolti”. Invano, perché gli altri si sono sempre assolti, da soli e definitivamente. Coinvolti restano solo lui, i caduti e i prigionieri senza fine. Sì, è stato il più grande, non solo per iscritto e in canto, ma per carattere, per dirittura d’urto contro la macchina luccicante di successo e carriera.
Lui solfeggiava con gli sconfitti, sbriciolava il loro pane ai passeri.
Dopo di lui la specie dei selvatici si è estinta. C’è il gran bazar degli ammansiti.
Non l’ho nominato, solo enumerato. Chi ha bisogno di guardare il suo nome, ha perso tempo a leggere fin qua.

Erri De Luca

scrivere a volte è come vomitare, lascia la bocca cattiva.